Estetica orale Estetica

Avere un bel sorriso è una delle motivazioni che sempre più frequentemente spinge i pazienti a recarsi dal dentista. L’estetica dentale può essere migliorata in diversi modi: oltre agli interventi di tipo ortodontico e/o protesico ove necessari, si possono utilizzare procedure mirate quali lo sbiancamento dentale, le faccette in ceramica o addirittura intervenire a livello dei tessuti periorali.

Sbiancamento

Lo sbiancamento dentale è un processo mediante il quale è possibile far diventare i nostri denti più bianchi e rendere il nostro sorriso più luminoso.

Questo trattamento può essere eseguito in studio in una sola seduta utilizzando il sistema di sbiancamento BEYOND.
Questo sistema utilizza una particolare lampada dotata di una potente sorgente luminosa a “luce fredda” studiata appositamente per potenziare l’effetto del gel sbiancante a base di Perossido di Idrogeno e Silice applicato sui denti.

La luce fredda e la particolare composizione del gel sbiancante eliminano quasi completamente il problema della sensibilità dentale nella maggior parte dei pazienti, lasciando i denti più bianchi e luminosi per un lungo periodo di tempo (fino a due anni) e ne è sconsigliata la ripetizione prima di 18 – 24 mesi.

Lo sbiancamento non è consigliato nei giovani ragazzi (non prima dei 18-20 anni).
Lo sbiancamento deve essere sempre preceduto da una seduta di igiene orale (detartrasi).

Non ci sono particolari controindicazioni al trattamento sbiancante, anche se prima di programmare una seduta di sbiancamento bisogna valutare con attenzione la presenza di eventuali restauri protesici, così come estese ricostruzioni dentali in quanto lo sbiancamento è efficace solamente sullo smalto naturale dei denti e si potrebbero creare delle differenze cromatiche tra i denti naturali e gli elementi restaurati.

Sbiancamento denti non vitali

Quando il dente perde la sua vitalità per cause diverse (infezioni gravi della camera pulpare e dei canali radicolari, infezioni periapicali, traumi) e di conseguenza viene trattato endodonticamente, frequentemente la corona con il passare del tempo, subisce una variazione cromatica, ovvero tende a scurirsi e ad assumere tonalità che virano verso il grigio.

Quando la perdita di vitalità del dente non è associata ad una massiva distruzione della corona del dente stesso questo fenomeno può manifestarsi in modo abbastanza evidente con il passare del tempo, soprattutto quando interessa i denti anteriori.

Talvolta, nei denti che hanno subito dei traumi senza aver perso la vitalità, anche a distanza di tempo può iniziare a manifestarsi una variazione cromatica dello smalto, indice, in questo caso, proprio della perdita di vitalità del dente stesso.

Nei casi in cui la discromia è particolarmente accentuata nemmeno le faccette, essendo molto sottili e quindi quasi trasparenti, riescono a correggere il difetto cromatico.

In queste situazioni si può intervenire efficacemente con uno sbiancamento indiretto: si accede alla camera pulpare del dente e si sostituisce parte del materiale di otturazione con un composto sbiancante ad alta concentrazione, che viene sostituito settimanalmente in più sedute fino al raggiungimento della colorazione desiderata.

Questo trattamento richiede un certo tempo ma permette di raggiungere degli ottimi risultati da un punto di vista estetico con una ridotta invasività.

Faccette dentali

Le faccette dentali sono delle sottilissime lamine di spessore normalmente inferiore a 1 mm., di ceramica (in vari tipi e composizioni) o resine composite, che vengono incollate sulla superficie esterna dei denti, solitamente gli incisivi superiori.

La finalità delle faccetta è principalmente estetica, in quanto permette, con un sistema minimamente invasivo, di correggere discromie, anomalie della superfice dentale, anomalie di forma e/o dimensione del dente, ricostruire porzioni mancanti di denti fratturati senza dover ricorrere alla ricopertura totale del dente con una corona tradizionale e possono essere utilizzate sia su denti vitali che su denti devitalizzati (previo eventuale sbiancamento).

Questo tipo di ricostruzione può essere utilizzato in tutte quelle situazioni in cui si vuole migliorare l’estetica dei denti anteriori, la componente predominante del nostro migliore “biglietto da visita”: il nostro sorriso.

Non ci sono particolari limitazioni all’utilizzo delle faccette, salvo quelle dettate dall’anatomia stessa del dente e dalla giovane età dei pazienti: salvo casi che rappresentino un’esigenza estetica particolarmente importante si consiglia di attendere il termine della crescita.

Le faccette prevedono quasi sempre una minima preparazione della superficie del dente, con presa di impronte di precisione e successivo posizionamento definitivo del manufatto (2-3 appuntamenti). In questi casi, per poter permettere al laboratorio di approntare le faccette con gli adeguati tempi necessari, normalmente vengo previste delle faccette provvisorie da applicare nella stessa seduta della preparazione del dente. Tali faccette provvisorie hanno anche finalità diagnostica e permettono al paziente di iniziare ad avere una prima impressione del risultato finale ed eventualmente programmare insieme al medico le caratteristiche delle faccette definitive, per poter raggiungere il miglior risultato possibile, sia funzionale che estetico, per la piena soddisfazione del paziente,

Estetica periorale

L’estetica periorale è quell’insieme di attività che lavora sui tessuti molli che che circondano il sorriso

Dando per scontato che i denti sono sicuramente la parte più importante di un bel sorriso, non dobbiamo sottovalutare anche l’importanza dei tessuti molli circostanti (intorno alla bocca) cosiddetti periorali, che possono pagare il prezzo dei primi segni di invecchiamento cutaneo.
In questi casi, interventi mirati al ripristino di una pelle più tonica, piena e luminosa possono dare un contributo significativo.

Questi risultati si possono ottenere ricorrendo ad un trattamento di “filler” (“riempimento”) mediante micro-iniezioni sotto-cutanee di acido ialuronico, sostanza presente fisiologicamente in tutti i tessuti connettivi umani, eseguibili in studio.

Ad eseguire queste micro-iniezioni sarà il Professor Davide Sozzi (puoi leggere di più su di lui al suo sito web ).

GENTILI PAZIENTI, DI SEGUITO LE NUOVE NORME DI ACCESSO ALL'AMBULATORIO COVID FREE

Da lunedì 4 maggio 2020 lo studio riprenderà la normale attività operativa, ma per la tutela della Vs/ salute e della sicurezza dei nostri operatori gli accessi allo studio per le visite e le cure saranno regolamentati dalle seguenti norme di sicurezza:

  • Non sarà ammesso più di un accompagnatore, anche per i pazienti minori; gli accompagnatori non sono ammessi nella zona operativa ad eccezione delle prime visite di pazienti minori.
  • E’ obbligatorio indossare la mascherina all’arrivo in studio sia da parte dei pazienti che degli accompagnatori.
  • NON sarà possibile l’accesso allo studio in caso di comparsa di sintomi influenzali (tosse, febbre, raffreddore, ecc) o problemi gastroenterici (diarrea) nelle 2 settimane che precedono la visita.
  • Un’assistente dedicata si occuperà del triage e delle procedure igieniche all’ingresso in studio (vi sarà chiesto di igienizzare le mani, indossare guanti puliti forniti dallo studio, riporre i Vs/ oggetti personali, ad esempio telefono, occhiali, mascherina, ecc.. in un sacchetto pulito che vi verrà fornito, ecc..).
  • Gli appuntamenti verranno adeguatamente distanziati per evitare assembramenti e permettere la corretta sanificazione degli ambienti/superfici tra un paziente e l’altro; Vi preghiamo di rispettare per quanto possibile l’orario concordato per l’appuntamento. In caso di ns/ ritardo per eventuali imprevisti Vi verrà chiesto di attendere fuori dalla sala d’attesa per il tempo necessario alla dimissione del paziente precedente.

PER APPUNTAMENTI i recapiti rimangono i seguenti:

Qualora non potessimo rispondere lasciate un messaggio e sarete rapidamente contattati. Dott.ssa Claudia Ariotto